Martirio di San Giacomo e del compagno Giosia
Incisione (stampa)

Pasqualini, Giovanni Battista (1585 ca.-1634 ca.)

Martirio di San Giacomo e del compagno Giosia

Descrizione fisica: Foglio: mm 486x308; rifilata oltre l'impronta.

Data: - -1628

Lingua: Latino (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Nota:
  • Il dipinto, che il Guercino eseguì nel 1627, per la cappella Prini nella chiesa dei Santi Pietro e Prospero di Reggio Emilia, è oggi perduto. Dopo essere passato indenne alle soppressioni ducali ed alle requisizioni napoleoniche, venne ritirato dai titolari della cappella nel 1858, a causa del pessimo stato conservativo, e da quel momento se ne persero le tracce (Mazza-Montanari 2010, p. 24).Non è dunque possibile effettuare un diretto confronto tra il dipinto e la traduzione a bulino che ne fece Pasqualini nel 1628. E' facile supporre, conoscendo il lavoro dell'incisore, che la stampa sia in controparte rispetto al quadro, ma che ne mantenga inalterate le principali caratteristiche compositive. I soli interventi che si riscontrano nelle stampe di Pasqualini, rispetto agli originali guercineschi, sono, infatti, quasi sempre da individuare nella resa espressiva e nelle fisionomie dei volti; tutto il resto, dalle architetture ai panneggi, dalle pose al chiaroscuro, è sempre tradotto in modo fedele.
  • Lungo il margine inferiore: «Per ill.ri et ad.m R.do Patri Magistero Gregorio Gifonio ordinis S. Augustini ac sancti Iacobi de Bononia, Priori meritiss.o Haec sancti Iacobi Apostoli, et Iose / decolatio, tibi Perill.ri ac ad.m R.do Patri libentissime dono, sacroque, et quia huiusmodi Christi consanguinei (per quem Alter lumen eternum cognouit, et adoptauit) meritis / in illo mobilissimo Coenobio es Prior; et quia meam erga te incomparabilem affectionem, deuotionemque agnoscas; ita ut me tuum, sicuti cupio, habeas, et in aeternum uale. / Eques Io. Franc.s Centens. Inv.- Superior Permissu - Io.s Bap.a Pasqualinus Centens sculp.r D.D. 1628». Sul verso nell'angolo superiore destro: «24»; nell'angolo inferiore sinistro il timbro della Biblioteca Ambrosiana.
  • Discreto stato di conservazione. Presenza di filigrana.
  • Bagni 1988, n. 105; Faietti 1993, p. 52; Mazza-Montanari 2010, p. 24; Spadaccini 2010, n. 19

Nomi: (Artista) (Incisore)

Soggetti:

Dati generali (100)
  • Tipo di data: data di dettaglio
  • Data di pubblicazione: 1628
Grafica (116)
  • Indicazione specifica del materiale: incisione o specifico procedimento grafico (stampa)
  • Materiale del supporto principale: carta
  • Colore: bianco e nero
  • Stampe: tecniche: incisione a bulino
  • Incs.7161