Studia Ambrosiana 1 (2007)
Stampati

Studia Ambrosiana 1 (2007) : Contributi di ricerca su Ambrogio e Simpliciano : atti del secondo dies academicus, 3-4 aprile 2006

Abstract: Fondata nel 2004 dal Cardinale Dionigi Tettamanzi, l'Accademia di .sant'Ambrogio raccoglie intorno alla Biblioteca Ambrosiana di Milano 31 studiosi e docenti universitari di ambito milanese, italiano e straniero, che si occupano del vescovo Ambrogio e del suo contesto storico-culturale. Con la sua costituzione si compie un desiderio espresso già nel 1975 dal Cardinale Giovanni Colombo, che auspicava la creazione di un centro di studio consacrato alle figure dei Santi Ambrogio e Carlo: desiderio realizzatosi solo parzialmente con la costituzione (1976) dell'Accademia di San Carlo, sorella maggiore del neonato sodalizio. L'Accademia è nata vedendo la felice convergenza di studiosi appartenenti alle più prestigiose istituzioni accademiche e culturali milanesi (Biblioteca Ambrosiana, Università degli Studi. Università Cattolica, Facoltà Teologica, Seminario Arcivescovile), ai quali si aggiungono cultori di scienze storiche, teologiche e patristiche provenienti da tutt'Itaiia, dall'Europa e dagli Stati Uniti. Un particolare legame di amicizia e collaborazione unisce l'Accademia al Monastero delle Romite dell'Ordine di Sant'Ambrogio ad nemus, al Sacro Monte di Varese.A partire da questa sua vocazione radicata nella città di Milano ma aperta a una dimensione cosmopoliti!, l'Accademia si propone come luogo di promozione e riferimento per gli studi santambrosiani, intesi in una accezione ampia che comprende la patristica, la letteratura, la storia civile ed ecclesiastica, l'archeologia, la teologia, la liturgia e ogni altra disciplina che possa contribuire a meglio conoscere e valorizzare l'epoca e la personalità del vescovo Ambrogio. Nelle finalità dell'Accademia rientrano due tipi di attività: quelle a carattere scientifico e quelle di alta divulgazione. Tra le prime troviamo giornate di studio e conferenze, e soprattutto - dal 2005 - la celebrazione annuale di un dies academicus che vede l'investitura dei nuovi membri e una giornata di studio aperta al pubblico, nella quale si conàfljPno l'offerta di una panoramica sugli studi* recenti, l'approfondimento di un tema specifico e la visita archeologica a un monumento di epoca e interesse santambrosiani. A un pubblico più vasto si rivolgono i cicli di conferenze denominati Incontrare Ambrogio', che si propongono di introdurre ai diversi aspetti della vita e dell'opera del patrono milanese, e altre iniziative di tipo culturale e spirituale. Questo volume - primo di una serie a cadenza annuale - propone le relazioni tenute nell'ambito del secondo dies academicus, svoltosi a Milano il 3-4 aprile 2006; ad esse si aggiungono altri contributi di carattere scientifico e una ricca documentazione relativa all'Accademia di sant'Ambrogio e alle sue -ancor brevi ma già significative - vicende storiche.


Pubblicazione: Milano : Biblioteca Ambrosiana ; Roma : Bulzoni, copyr. 2007

Descrizione fisica: XXV, 216 p. ; 24 cm

Serie: Studia Ambrosiana ; 1

ISBN: 88-7870-174-8

Data:2007

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Comprende: 17 titoli Mostra elenco Mostra in ricerca

Nomi:

Dati generali (100)
  • Tipo di data: date di pubblicazione e copyright/privilegio
  • Data di pubblicazione: 2007

Fondata nel 2004 dal Cardinale Dionigi Tettamanzi, l'Accademia di .sant'Ambrogio raccoglie intorno alla Biblioteca Ambrosiana di Milano 31 studiosi e docenti universitari di ambito milanese, italiano e straniero, che si occupano del vescovo Ambrogio e del suo contesto storico-culturale. Con la sua costituzione si compie un desiderio espresso già nel 1975 dal Cardinale Giovanni Colombo, che auspicava la creazione di un centro di studio consacrato alle figure dei Santi Ambrogio e Carlo: desiderio realizzatosi solo parzialmente con la costituzione (1976) dell'Accademia di San Carlo, sorella maggiore del neonato sodalizio. L'Accademia è nata vedendo la felice convergenza di studiosi appartenenti alle più prestigiose istituzioni accademiche e culturali milanesi (Biblioteca Ambrosiana, Università degli Studi. Università Cattolica, Facoltà Teologica, Seminario Arcivescovile), ai quali si aggiungono cultori di scienze storiche, teologiche e patristiche provenienti da tutt'Itaiia, dall'Europa e dagli Stati Uniti. Un particolare legame di amicizia e collaborazione unisce l'Accademia al Monastero delle Romite dell'Ordine di Sant'Ambrogio ad nemus, al Sacro Monte di Varese.A partire da questa sua vocazione radicata nella città di Milano ma aperta a una dimensione cosmopoliti!, l'Accademia si propone come luogo di promozione e riferimento per gli studi santambrosiani, intesi in una accezione ampia che comprende la patristica, la letteratura, la storia civile ed ecclesiastica, l'archeologia, la teologia, la liturgia e ogni altra disciplina che possa contribuire a meglio conoscere e valorizzare l'epoca e la personalità del vescovo Ambrogio. Nelle finalità dell'Accademia rientrano due tipi di attività: quelle a carattere scientifico e quelle di alta divulgazione. Tra le prime troviamo giornate di studio e conferenze, e soprattutto - dal 2005 - la celebrazione annuale di un dies academicus che vede l'investitura dei nuovi membri e una giornata di studio aperta al pubblico, nella quale si conàfljPno l'offerta di una panoramica sugli studi* recenti, l'approfondimento di un tema specifico e la visita archeologica a un monumento di epoca e interesse santambrosiani. A un pubblico più vasto si rivolgono i cicli di conferenze denominati Incontrare Ambrogio', che si propongono di introdurre ai diversi aspetti della vita e dell'opera del patrono milanese, e altre iniziative di tipo culturale e spirituale. Questo volume - primo di una serie a cadenza annuale - propone le relazioni tenute nell'ambito del secondo dies academicus, svoltosi a Milano il 3-4 aprile 2006; ad esse si aggiungono altri contributi di carattere scientifico e una ricca documentazione relativa all'Accademia di sant'Ambrogio e alle sue -ancor brevi ma già significative - vicende storiche.

  • RIV.718/B (Ambulacro)
  • RIV.718 (Sala Mercati)