F 61 sup. (gr. 342)
Manoscritti

F 61 sup. (gr. 342)

Pubblicazione: a. 1321-1322

Descrizione fisica: cart.; mm 228 x 146; ff. 1 s.n. + A + 1-399 + 1 s.n.

Data:1321-1322

Lingua: Greco classico (fino al 1453) (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Nota:
  • Il corretto ordine di lettura è ff. 1r-79v, 85r-v, 80r-84v, 381v-r, 383r-v, 86r-310v, 384r-v, 380r-v, 311r-323v, 329r-v, 328r-v, 327r-v, 326r-v, 325r-v, 324r-v, 330r-342v, 379r-v, 382r-v, 350r-v, 344r-v, 349r-v, 343r-v, 351r-356v, 347r-v, 346r-v, 348r-v, 345r-v, 357r-378v, 385r-399v. Sono caduti fogli dopo 338 e 342; bianchi i ff. 18r, 126r, 236v, e per la gran parte i ff. 192v, 195r, 316r. Datazione in fondo al f. 399v: [τέ]λος σὺν Θεῷ, τοῦ τετραβαγγελίου:+ Ἐν ἔτη χιλιωστῶ ἐξάκις, καὶ σὺν ὁκτακῶς, ἁπλῆ τριακοντάδη:+ [scil. a.m. 6830 = a.D. 1321-1322]. Più sotto ὑπαρχούσης ἰνδικτιῶνος ε΄. Nel testo evangelico si distinguono quattro mani: A per i ff. 19r-79v, 85r-v, 381v-r, 383r-v, 86r-101v, 127r-147v, 149r-182v, 183r lin. 9-186v; B per i ff. 102r-103r; C per i ff. 103v-125r, 148r-v, 187r-194v, 196r-236r, 237r-310v, 384r-v, 380r-v, 311r-315v, 317r-323v, 329r-v, 328r-v, 327r-v, 326r-v, 325r-v, 324r-v, 330r-342v, 379r-v, 382r-v, 350r-v, 344r-v, 349r-v, 343r-v, 351r-356v, 347r-v, 346r-v, 348r-v, 345r-v, 378r-v, 385r-399v compresa la datazione; D per f. 183r linn. 1-8. Di una mano poco posteriore gli epigrammi in onore degli Evangelisti (ff. 18v, 126r, 195r, 316r). I ff. 1-17 furono aggiunti nel sec. XV e portano filigrana simile a Briquet, enclume 5956 (Firenze, 1450-1452; varianti simili Utrecht 1425-1432 e Augsburg 1463). Miniature a piena pagina degli Evangelisti nell'atto di scrivere ai ff. 18v, 126v, 195v, 316v). Sui ff. Ar e 1r le vecchie segnature dell'Ambrosiana "N" e "N.26" rispettivamente. Giorgio Longo ha annotato "Evangelia." sul recto del f. A, "Evangelia Corcyrae empta." sul verso.
  • Sul recto del foglio di guardia s.n. anteriore "Restaurato a Grottaferrata (31 maggio 1954)".
  • C. PASINI, Bibliografia dei manoscritti greci dell'Ambrosiana (1857-2006), Milano, Vita e Pensiero, 2007 (Bibliotheca erudita, 30), p. 249.
  • Il ms. giunse all'Ambrosiana nel 1608 da Corfù, come anche dalla nota di Giorgio Longo sul f. Av. Circa i mss. Ambrosiani provenienti da Corfù e dall’entroterra “tessalo” C. PASINI, La raccolta dei manoscritti greci all'origine dell'Ambrosiana: linee di acquisizione (in particolare la missione di Antonio Salmazia a Corfù negli anni 1607-1608), in Federico Borromeo: fonti e storiografia. Atti delle giornate di studio 24-25 novembre 2000, a cura di M. MARCOCCHI - C. PASINI, «Studia Borromaica», 15 (2001), pp. 59-107; A. CATALDI PALAU, Manoscritti provenienti dalla Tessaglia a Milano, in Alethes philia. Studi in onore di Giancarlo Prato, a cura di M. D’AGOSTINO - P. DEGNI, I, Spoleto, Fondazione “Centro italiano di studi sull’Alto Medioevo”, 2010 (Collectanea, 23), pp. 93-167 con tavv.

Nomi: (Vidit)

Soggetti:

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in più anni
  • Data di pubblicazione: 1321-1322
Manoscritti (149)
  • Supporto del libro: carta
  • Filigrana:
  • Illustrazioni: miniature — iniziali ornate — vignetta o fregio ornamentale — rubriche
  • Forma: codice
  • Materiale della legatura: legno — pelle, cuoio
  • Tipo di legatura: restaurata come imitazione
  • Stato di conservazione del libro: danneggiato — incompleto
  • F 61 sup.